Ja, natürlich!
Gungoldinger Wacholderheide
 Elenco personale

Brughiera di Gungolding (Gungoldinger Wacholderheide)

Gungoldinger Wacholderheide

La peculiarità che rende unica la brughiera di Gungolding è la massiccia presenza di file di piccoli ginepri prevalentemente a forma di cespuglio, intervallate da piante colonniformi. Oltre alla grande quantità di ginepri, movimentata da rose canine, prugnoli selvatici e biancospini, sulle rocce e nelle aree rocciose ha potuto insediarsi una splendida brughiera steppica.

La brughiera di ginepri di Gungolding è nata nel Medioevo come conseguenza del dissodamento del bosco e del pascolo del bestiame, e su quest’area sono poi riuscite a diffondersi specie di piante tipiche dei prati aridi. Qui troviamo splendidi cuscini di garofanini spaccasassi, la rarissima minurtia aculeata, l’altrettanto rara dafne odorosa e tre tipi di genziane: la genziana primaticcia, la genziana sfrangiata e la genzianella germanica. Gli habitat di queste piante, creati dall’uomo e così preziosi, necessitano della cura costante esercitata dalle pecore, che, brucando, impediscono a cespugli e boschi di riconquistare gli spazi attualmente occupati dalla brughiera.

La brughiera di Gungolding viene definita la più bella del Giura meridionale di Franconia, nonostante alcuni decenni or sono molti ginepri siano stati tagliati per ottenere materiale dai molteplici impieghi. La sostanza profumata ricavata dai suoi rami veniva utilizzata sia per affumicare prosciutti ed insaccati, sia come difesa contro malattie, pestilenze e forze maligne nelle case e nei cortili: secondo le credenze popolari, ad esempio, i manici delle fruste realizzati in legno di ginepro dovevano proteggere i cavalli dalle stregonerie, mentre i bastoni utilizzati per il burro impedivano che l’influsso malefico della vicina ostacolasse la buona riuscita del procedimento di produzione. La pianta del ginepro oggi è protetta e possono essere raccolte solo le sue bacche nero-bluastre, che maturano sugli arbusti femmina nell’arco di due anni ed hanno molteplici impieghi. Le bacche, ad esempio, vengono utilizzate come spezia molto apprezzata per cucinare crauti, selvaggina e pesce, come ingrediente base per la grappa di ginepro e come rimedio sia per le malattie epatiche, renali e della vescica, sia per i reumatismi e la gotta, consigliato già da Sebastian Kneipp.

gungolding-mit-blick-auf-pfarrkirche-mariae-himmelfahrt.jpgWacholderheide in WaltingAltmühltal-Panoramaweg (Gungolding)

Büchertipp

Tiere und Pflanzen der Wacholderheiden

Taschenbuch Tiere und Pflanzen der Wacholderheiden

Taschenbuch Tiere und Pflanzen

gratis
Dettagli

Lage

POSIZIONE
Quest’area naturale protetta di circa 70 ettari si trova sul pendio settentrionale della valle dell’Altmühl vicino a Gungolding.

Indica sulla cartina
#StandWithUkraine jetzt helfen